bandiere
English
 
L ′AMERINO
 
Amelia Il Comprensorio Amerino è situato all'estremo sud dell'Umbria, tra Terni e Orvieto e abbraccia idealmente le colline comprese tra il fiume Tevere e il suo maggiore affluente, il fiume Nera.

Il Comprensorio Amerino comprende i comuni di Amelia, Alviano, Attigliano, Avigliano Umbro, Giove, Guardea, Lugnano in Teverina, Montecastrilli e Penna in Teverina.

Il paesaggio soprattutto collinare, caratterizzato da estese leccete, oliveti e vigneti, si affaccia a ovest sulla conca ternana e a est sulla vallata del Tevere.
 
AMELIA
 
Amelia, anticamente nota con il nome di Ameria, è una città di origini antichissime: fu certamente tra i primi centri italici. Catone, citato da Plinio, afferma che la città fu restaurata 964 anni prima della guerra dei romani contro Perseo, re di Macedonia, e quindi nel 1132 a.C. Testimonianza di tale vetustà sono le monumentali mura poligonali (V-IV secolo a.C.), che cingono gran parte dell'abitato, unitamente a quelle romane e medievali, per circa 2 km.

Città di confine, prima umbra poi romana, Amelia vanta numerose testimonianze del suo passato: oltre alla cinta muraria, che costituisce il monumento più importante, citiamo l'interessante centro storico, che si estende per circa 25 ha, con le sue stratificazioni, i numerosi palazzi rinascimentali, le chiese, resti di mosaici e terme.

Amelia ha avuto un periodo molto florido nell'era Romana, tanto da essere annoverata tra le città umbre più importanti, con la possibilità di coniare una moneta propria e nella quale ha assunto lo status di Municipio dopo essersi alleata con Roma. Simbolo della grandezza romana del Municipio è la statua bronzea di Germanico, opera di eccezionale valore ed unica al mondo, conservata nel Museo Archeologico della città. Quantità e qualità di reperti storici di origine Romana trovati ad Amelia sono seconde, in Umbria, solamente al sito archeologico di Carsulae. Il legame con Roma è proseguito durante il Medio Evo; sono stati trovati degli scritti, risalenti alla metà del XIV secolo, recanti notizia del fatto che ad Amelia era stato inviato un podestà da Roma. Tale circostanza viene rievocata ogni anno nell'ambito delle manifestazioni storiche del "Palio dei Colombi".
(da: Wikipedia.org)
 
GASTRONOMIA
 

Genuinità, tradizione ed antichi sapori sono gli ingredienti caratteristici della cucina amerina.
La semplicità dei piatti che si cucinano, privilegia i prodotti tipici della terra.
Le minestre di legumi sono spesso insaporite con osso di prosciutto; prelibate sono anche le fettuccine, la polenta o gli "strozzapreti" rigorosamente impastati a mano con acqua e farina.

L'attività della caccia in queste terre è stata sin dall'antichità una passione, fornendo alle tavole una varietà di carni che spaziano dal cinghiale alle lepri al daino sino alle palombe; importanti sono quelle cotte alla "leccarda": le palombe sono dopo essere stati puliti vengono cotti lentamente allo spiedo, il sugo che scola viene raccolto in un recipiente di coccio detto leccarda e condito con olio, sale salvia, aglio, aceto e olive tritate. Il tutto viene cosparso sulla carne delle palombe e sui crostini di pane abbrustoliti.

Squisiti sono gli insaccati derivati dalla lavorazione del maiale come le "mazzafegate" ossia salsicce di fegato ed i "sanguinacci" fatti col sangue del porco e conditi con l'uvetta.
Non va trascurata la pizza schiacciata con il rosmarino, cipolla e patate.
(da: http://www.comune.amelia.tr.it)

 
IL VINO
 

La cultura della vite ha, nel nostro territorio, tradizioni millenarie, Virgilio il quale nel primo libro delle Georgiche ricorda la pazienza con la quale i vignaioli del tempo si dedicavano, in questi luoghi ameni, alla coltivazione della vite:
"Atque amerina parant lentae retinacela viti", ovvero, "gli abitanti di Amelia preparano i salici a reggere le viti".
I vini D.O.C. dei colli Amerini, offrono una varietà che oltre ai tradizionali bianco, rosso e rosato, hanno i pregiati e delicati Malvasia e Novello.
Nell'area si è alla continua ricerca di miglioramenti agronomici e produttivi al fine di conferire ulteriore personalità ai vini.
(da: http://www.comune.amelia.tr.it)

 
 
 
 

SCOGLIO DELL′AQUILONE
- 05022 Amelia Via Orvieto,23 - Tel. 0744 982445 - Fax 0744 983005 - P.I. 00458720554
© 2011 - BWEB di Quadraccia Alessandro